Gdr al Buio: Guida ai Temi

Costruire un Tema GDR al Buio Storie di Ruolo Morgen Gabe (1)

Alcune delle nostre rassegne hanno avuto molto successo proponendo delle tematiche che potevano solleticare il pubblico. Ma qual è la discriminante tra scegliere un tema funzionale per Gdr al Buio e trasformarlo in una Serata a Tema? La linea è estremamente sottile e contornata di grigio: per questo motivo di seguito trovate delle linee guida su come un Gdr al Buio tematico deve essere fatto.

Che cos’è un tema

Un tema è qualcosa di astratto, liberamente interpretabile dalla singola rassegna. Non deve superare il singolo sostantivo e deve fare in modo che la fantasia del potenziale giocatore (e dei facilitatori che sceglieranno che giochi portare) ne sia stimolata senza però venire inquadrata a priori in determinati titoli.
Un buon tema è qualcosa che possa essere interpretato in senso lato, dando una direzione alla vostra serata senza però limitarsi ad indicare piuttosto palesemente una manciata di giochi – giochi che, se “telefonati” e poi non presentati, finirebbero per deludere qualche giocatore.

Esempio di un Tema

Tema: Signore degli Anelli.
Non va bene, perché è molto semplice indovinare tutti i tre, quattro o cinque titoli che porterete.

Tema: Libertà.
Questo va bene. Può essere interpretato anche portando cinque giochi sul signore degli anelli se proprio volete, o interpolato in mille modi diversi – giochi partigiani? Giochi contro la tirannia? Giochi su scelte importanti? Solletica senza però dire già cosa giocheremo al pubblico.

Il tema non è un genere

Horror o Sword & Sorcery non sono temi, sono generi. I generi sono contenitori che spoilerano molto il senso del buio e fanno sapere al pubblico che tipo di esperienza avranno quella serata, portando quindi quello che odia l’horror a disertarne una (e spesso un giocatore che odia un genere lo fa per puro pregiudizio).

Come funzionano i temi nel Gdr al Buio

Ogni mese le vostre rassegne avranno la libertà di scegliere se seguire un tema particolare oppure andare liberamente con i giochi che preferiscono, senza che siano legati da un filo. Nel caso in cui scegliate un tema dovete contattare Gabe (Giuseppe Vitale) passando lui il tema scelto e la lista dei giochi che volete portare. Questa è solo una formalità e serve per costruire un database di temi utili da utilizzare in futuro. Nel caso in cui vogliate fare un tema ma non abbiate idee siete liberissimi di chiedere e vi daremo una mano.

Sui temi

Non esistono temi buoni o cattivi per natura, ma alcuni sono più facili di altri da rendere all’interno dell’evento.

Esempi di temi che vanno bene

Libertà, Guerra, Solitudine, Malinconia, Amore, Amicizia, Bellezza, Sortilegio, Magia, Dungeon.

Esempi di temi che non vanno bene

Mappe (facile indovinare i dieci giochi che ne trattano, potrebbe essere necessario modificare qualcosa per renderlo meno immediato, come per esempio “Viaggio” o “Esplorazione”), Cappa e Spada (si tratta di un genere, non di un tema, sarebbe meglio andare più nel profondo dell’esperienza che si vuole portare), Mondo di Tenebra (un’etichetta che ha un significato ben preciso, anche qui  bisognerebbe andare più nel particolare).

Esempi Pratici

Gdr al Buio Padova
Tema: Gray Ranks
Spiegazione dei giochi portati: Per chi non lo sapesse si tratta di un gioco molto particolare, ma può essere interpretato anche in maniera interessante, persino senza citarlo. Gray Ranks in questo caso indica ribellione al sistema o lotta contro il sistema.

Giochi da portare:
– The Quiet Year – giocando un setting specifico, come la resistenza di fronte all’ignoto.
– Chronicles of Skin o the Blue Way – raccontare la storia a posteriori, dagli occhi dei vincitori.
– Gioventù bruciata – per raccontare di ragazzi che lottano contro il sistema.
– Fiasco – per raccontare della reazione di una persona quando tutto va in malora.
– Grey Ranks stesso, infine, potrebbe essere messo o non messo nel computo. Sia perché è un gioco difficile da giocare in una one shot, sia perché è già insito nel titolo e potrebbe rappresentare uno spoiler. Si tratta però di un gioco veramente poco conosciuto, quindi si può valutare di inserirlo.

Gdr al Buio di Genova
Tema: Sette Mari
Spiegazione dei giochi portati: il pub dove stavamo facendo l’evento aveva come tema principale del mese i pirati. Abbiamo deciso di declinare in maniera particolare questa tematica per venire loro incontro, portando giochi che avessero a che fare in maniera molto trasversale con l’argomento.

Giochi portati:
– Mutant Year zero
– Follow
– Poison’d
– Gattai
– Lady Blackbird
– Dunqora

Gdr al Buio di Rolo
– Tema: Viaggio
Spiegazione dei giochi portati: Il processo non è standardizzato. Diciamo che in questo caso è stato facile perché parecchi giochi parlano di viaggio. Siamo partiti dai giochi di Ross Cowman, che è uno dei nostri autori preferiti. Da lì siamo andati per step. Volevamo un altro gioco fantasy, ma più tradizionale: Avventure. Lady e Tales scelti insieme: sono padre e figlio, oltre al fatto che ci faceva piacere avervi come ospiti. Witch e Prosopopée perché l’altro ospite sarebbe stato Marco Andreetto. Abbiamo scartato tanti giochi che avremmo voluto portare, ma per cui non c’erano le condizioni, tipo Ribbon Drive, che sarebbe stato perfetto per vedere un’altra sfumatura del tema.

Giochi portati:
– Avventure nella Terra di Mezzo
– Witch – La Strada per Lindisfarne
– Fall of Magic
– Life on Mars
– Tales from Broken Islands
– Lady Blackird
– Prosopopée


Grazie a Mattia Davolio, Daniele Sanna e Francesco Zani per i loro preziosi casi di studio.
Per qualsiasi dubbio o proposta contattatemi pure.

Grazie per l’attenzione
Contattatemi pure se avete qualsiasi dubbio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.