Intervista a Flavio Mortarino per Play Trade

Flavio Mortarino Play Trade 2018

Come ogni anno, fin dal 2014 (qui una comprova dei miei misfatti), mi recherò a PLAY Festival del Gioco a Modena dal 6 all’8 Aprile. Quest’anno la fiera compie dieci anni e per l’occasione ha portato diverse novità nel proprio palinsesto, di cui l’estensione a tre giorni è solo l’ultima goccia.

Sono stati gli amici e colleghi di MorgenGabe a passarmi il contatto di Flavio Mortarino, una delle menti dietro all’iniziativa Play Trade che vedrà luce in concomitanza al Play: Festival del Gioco! L’ho raggiunto telefonicamente per fargli qualche domanda.

Spirito Giovane: «Ciao Flavio! Dicci, in breve, cosa è Play Trade!»

Flavio Mortarino: «Play Trade è un evento che nasce da quella che io e gli altri organizzatori abbiamo visto come una necessità. Il mercato del gioco sta crescendo in Italia, così come all’estero, e secondo noi mancava un evento dedicato al lato business. La prima edizione di Play Trade si rivolge a cinque figure importanti del settore: gli editori, che sono i protagonisti con uno spazio in Sala 400 per presentare loro e le proprie novità; gli autori di giochi ai quali, in collaborazione con SAZ Italia, saranno dedicati eventi per metterli in relazione con editori; i negozianti, che potranno godere di talk specifiche e di un luogo in cui rapportarsi 1-a-1 con gli editori; giornalisti, blogger, interessati che potranno creare relazioni con i primi tre protagonisti. Infine, le associazioni, che potranno inviare due rappresentanti per stringere anch’essi contatti, ma ai quali al contempo abbiamo chiesto un piccolo coinvolgimento nella realizzazione: un’associazione può nominare infatti dieci membri come very important player; costoro potranno giocare negli spazi di Play e daranno una votazione ai giochi che proveranno. Con i loro voti creeranno una classifica parallela a quella di Gioconomicon e rintracciabile anche sul loro sito. Il pacchetto associativo si chiama per questo All you can play».

S.G.: «Caspita! Chi si accredita per Play Trade cosa ottiene dunque?»

F.M.: «Gli editori, che sono il pilastro centrale dell’evento, hanno una parte della Sala 400 a loro dedicata per facilitare la presentazione dei loro prodotti a tutti gli altri protagonisti dell’evento. Oltre a ciò, hanno a disposizione salette in cui fare presentazioni, workshop ed eventi: possono altresì decidere se l’evento è per tutti i partecipanti di Play Trade, oppure solo per alcune tipologie, come incontri per soli giornalisti o negozianti. L’editore comunque ha il vantaggio di essere presente in loco, separatamente da uno spazio pieno di rumore e caos come la fiera, e visualizzare nuovi progetti con una certa tranquillità. Potranno anche interagire con un ring creato al centro della Sala 400 e animato dagli organizzatori del Gioco dell’Anno; sarà gestita come una sorta di animazione e, se un editore non è d’accordo… diciamo che può alzarsi dallo stand e dare la sua opinione!».

Giuria Gioco dell'Anno Play Trade
La Giuria del Gioco dell’Anno animerà il ring al centro della Sala 400 di Play Trade.

S.G.: «Quanto alle altre tipologie di protagonisti?»

F.M.: «Rispetto agli editori, gli Autori iscritti a Play Trade hanno determinati benefici: possono partecipare a delle talk ad essi dedicati, che vanno da presentazioni di tool per prototiping, fino a discuss su piattaforme come quella di kickstarter. Inoltre possono partecipare al pomeriggio allo speed date: in turni da 5 minuti possono presentare ad una serie di editori un proprio progetto! Tra l’altro, al mattino abbiamo anche un workshop dedicato al pitching, cioè al metodo per presentare in breve un progetto ad un editore. I Giornalisti possono accedere invece ad una pletora di contatti e di materiale… e se hai un accredito stampa per Play Trade, ti accrediti per tutto Play – cosa non da poco visto che non è possibile il contrario! Hanno poi una saletta a loro dedicata, dove c’è una connessione internet, tavoli, materiale per stanziarsi un poco e sbobinare interviste o stendere articoli. Ci saranno alcuni slot in tutti e tre i giorni della Play in cui la saletta sarà chiusa solo per chi l’ha prenotata per fare delle registrazioni o delle dirette streaming, gestite per ora da Il Dado Incantato e dal Dunwich Buyers Club. Infine, last but not least, per i Negozianti c’è pacchetto di partecipazione che, una volta acquistato, permette di partecipare a tutti gli eventi di Sala 400, più alcuni specifici talk (ad esempio, come aprire un negozio o va bene trasformare un negozio in un boardgame cafè?): queste iniziative sono coordinate insieme a Francesco Biglia de Il Folletto di Biella e ha circa vent’anni di esperienza nella categoria e anche di come sia trattata all’estero».

S.G.: «Caspita, che programma!»

F.M.: «In realtà c’è molto di più, ogni partecipante al Play Trade riceve una email con un calendario eventi ancora in espansione. Ah, e non ho detto tutto: ogni partecipanti è ancora più spinto ad interagire con gli altri perché il venerdì all’ora di pranzo ci sarà un Brunch Conviviale con animazione per scambi contatti: per mangiare e bere… dovrai scambiare biglietti da visita! C’è una sorta di gamification del tipo di evento, diciamo così».

S.G.: «Siete dunque non solo paralleli, ma anche tangenziali a Play?»

F.M.: «In realtà ci saranno strascichi di Play Trade nella fiera principale! C’è uno Spazio Prototipi entro il Padiglione C, già da alcune edizioni, ma abbiamo deciso di ampliarne le potenzialità perché in esso ci saranno tutti gli autori che presentano pitch al Play Trade. Nella stessa zona c’è, in collaborazione con SACS, il Gioca con l’Autore: puoi sederti a provare un gioco con l’autore stesso, in modo da facilitare l’incontro giocatore-autore».

S.G.: «Play Trade è nato per i giochi da tavolo, ma si è aperto anche ai gdr giusto?»

F.M.: «L’apertura al gioco di ruolo in realtà c’è sempre stata: sia io che Andrea e gli altri di Play, siamo tutti da sempre giocatori di ruolo. Io sono stato fondatore di Janus Design ed è stato un modo per entrare nell’altro lato del mondo gdr, Andrea è tra i creatori del gioco Piombo di Narrattiva. Abbiamo quindi entrambi un forte retaggio ruolistico. Il GDR al Play Trade è arrivato in seconda battuta solo perché il mercato lo mette in seconda battuta. Ma quando un Editore che arriva ha anche gdr o esclusivamente gdr… l’apertura è servita senza chiederla».

sala 400 modena fiere play festival gioco
Una vista della Sala 400 della Play, che per Play Trade sarà però strutturata diversamente.

S.G.: «Bene! Ma se chi ci legge avesse un gdr da proporre agli editori?»

F.M.: «Guarda, per vari motivi sono cambiate un po’ di deadlines: la scadenza per autori e negozianti è stata infatti prorogata fino al 26 marzo! Anche chi ha un gdr può partecipare allo speed date, dove infatti chiediamo agli Editori il tipo di giochi che vogliono sentirsi presentare: c’è proprio una categorizzazione con family board gamesboard gamesgiochi di ruolo. Se volete dunque presentare un GDR, iscrivetevi al Play Trade! Fatelo ORA!».

S.G.: «Prima di finire, da dove è nata l’idea di Play Trade

F.M.: «Da me e Andrea Vigiak. Siamo amici dagli anni Novanta e abbiamo navigato l’ambiente del gioco in direzioni varie. Ciò ci ha permesso di vedere com’è la situazione all’estero: ogni paese/continente gestisce fiere ed eventi business-to-business gestiti in modo diverso. Per esempio, a Norimberga c’è un evento b-to-b che si ingrandisce anno dopo anno, ma ha una forma differente perché è dedicata al giocattolo; in Italia c’era qualcosa ma non aveva preso terreno. Un giorno io e Andrea ci siamo guardati in faccia e abbiamo detto: “come possiamo portarlo in Italia?”. Così abbiamo deciso di presentarlo al PLAY che ci ha dato fiducia vedendolo come una sorta di ciliegina per il decennale».

S.G.: «Quindi immagino non proporrete qualcosa di simile in altre fiere…»

F.M.: «Un evento b-to-b è professionalizzante, è un evento reale e ha un costo. Insomma, c’è un po’ di fatica monetaria da sostenere ed è per questo che chiediamo ad ogni partecipante qualcosa in cambio. Questo rende difficile presentare un evento stile Play Trade più volte l’anno. Poi, abbiamo un accordo con PLAY, che però ha un vantaggio: se loro avranno uno stand in altre fiere per presentarsi, li seguiremo per diffondere la presenza di Play Trade. Attualmente non c’è alcun progetto ulteriore rispetto a quello di Modena, comunque».

S.G.: «Ultima cosa: parlaci di te!»

F.M.: «Io ho trent’otto anni e vengo da un paesino vicino a Milano. Da quindici anni in poi ho fatto vita ludica in associazioni ed eventi, così come fiere. Sono sempre stato un fan di giocare e far giocare. Nel 2007 io e alcuni amici abbiamo messo in piedi Janus Design, con l’intenzione di localizzare giochi di ruolo indie americani e internazionali. Sono così passato all’altro lato del banco e da allora ho sempre cercato di rimanere nel mercato. Da qualche mese lavoro per Horrible Games! Quanto ad Andrea Vigiak, è stato presidente federale del Club TreEmme per diversi anni e da qualche tempo è socio di Pendragon Game Studio e quindi anche per lui, forse prima di me, è chiara l’esperienza internazionale».

Ringrazio Flavio Mortarino e tutti quelli di Play Trade per aver creato questa bellissima opportunità! Noi di Storie di Ruolo avremo un piccolo contingente presente all’iniziativa e anche gli amici di MorgenGabe vi parteciperanno per la rivista GDR Times: quale migliore occasione per conoscerci, specie se avete un vostro gdr? Ricordatevi di iscrivervi dunque a Play Trade!!!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.